Photo - Ivona Škvorcová

Ivona Škvorcová

Un piccolo “nodulo” che avevo toccato per caso sul collo stava per cambiare non solo quei piani, ma tutta la vita. Bisogna toglierlo – consigliò il medico. È un’operazione semplicissima, niente di particolare. In ospedale passai solo tre giorni e poi con grande calma e senza alcuna preoccupazione aspettavo i risultati della biopsia.

Photo - Augustín Ugróczy

Augustín Ugróczy

Ciao amici, giovani, meno giovani, saggi, meno saggi, vagabondi, cercatori di tesori, cavalieri che combattete contro i draghi, amanti del caffè al bar, musicisti, basta! In breve: cari DISCEPOLI... È così che mi rivolgo ogni mese ai miei ragazzi del gruppo PAJTA quando convoco le nostre riunioni.

Photo - Róbert Slamka

Róbert Slamka

So bene cos'è il cancro. Mio padre è morto di questa malattia e anche mio nonno. So bene cosa significa quando qualcuno vi dice che avete un tumore maligno! E così mi dissi che era ora di morire.

Photo - Mudr. Silvester Krčméry CSc.

Mudr. Silvester Krčméry CSc.

Non vogliamo paragonarci a lui ma vogliamo seguirlo. Ho deciso dunque di testimoniare, di testimoniare la Verità. Pertanto devo parlare, non posso tacere. Voi avete in mano il potere, noi abbiamo la verità. Il potere che avete non ve lo invidiamo e non lo desideriamo; ci basta la verità. La verità è più forte del potere. Chi ha in mano il potere crede di poter sopprimere la verità, uccidere e crocifiggere. Ma la verità finora è sempre resuscitata e sempre resusciterà dai morti.

Photo - Liu Žen jing - (brat Yun)

Liu Žen jing - (brat Yun)

La Chiesa sotterranea cinese è sottoposta ad una crudele repressione e persecuzione anche in questi giorni. Yun sostiene che anche grazie alla persecuzione ormai più che trentennale, alla sofferenza e alle torture, oggigiorno i fedeli della Chiesa sotterranea cinese sono sempre più pronti a sacrificare la vita nei paesi musulmani, induisti o buddisti, per Gesù Cristo e per l'annuncio del Vangelo.

Photo - MUDr. Emília Vlčková

MUDr. Emília Vlčková

Ricordo che riuscii a guarire una bronchite a mia figlia, dopo aver fatto ricorso ad antibiotici ma senza successo. Feci anche esperienza diretta sulla mia persona; assunsi infatti degli omeopatici e il giorno dopo osservai la scomparsa di una verruca.

Photo - Jozef Demjan

Jozef Demjan

Da bambino ho subito abusi sessuali, ho vissuto nella povertà, nell'occultismo, depressioni, partner sessuali dello stesso sesso e tentativi di suicidio. La luce è arrivata con la fede in Gesù Cristo.

Photo - Rick Warren

Rick Warren

La gente mi chiede: Qual è lo scopo della vita? E io rispondo: Per farla breve, la vita è preparazione all'eternità. Siamo stati creati per durare in eterno; e Dio vuole averci con sé in Paradiso.

Photo - Anton Srholec

Anton Srholec

La fede e l'amore per Gesù e per la sua causa avevano riempito tutto il mio cuore ed ero disposto anche ad offrire la vita.

Photo - Bohuš Živčák

Bohuš Živčák

Malgrado la persecuzione ai tempi del comunismo, o forse proprio grazie ad essa, la ricerca di Dio per me è diventata una continua avventura. Più un pellegrinaggio che uno studio.
Alle scuole superiori Dio si avvicinava in maniera sempre più drammatica.

Photo - Dr. Hugh Ross

Dr. Hugh Ross

Come la maggior parte degli astronomi di allora ero anch’io un sostenitore della creazione mediante il “Big Bang”. Pensavo che Dio fosse di sicuro un essere spersonalizzato che comunque non può occuparsi di vite umane insignificanti, come le nostre.

Photo - Mária a Stanislav Kuželovci

Mária a Stanislav Kuželovci

Entrambi i nostri figli hanno avuto la paralisi cerebrale infantile.Il fondatore del movimento Fede e Luce, Jean Vanier, in uno dei tanti incontri disse a noi genitori di figli diversamente abili che Dio non affida queste creature a chiunque Grazie a queste parole io e mia moglie ci siamo resi conto che Veronika e Stanko sono figli di Dio, un grande dono per noi e per il mondo; e che Dio ce li dati in "affidamento temporaneo".

Photo - Richard Vašečka

Richard Vašečka

Mio nonno materno ebbe una grande influenza sulla mia vita. Mi voleva molto bene e mi dedicava un sacco di tempo. Era diventato il mio modello, la mia ispirazione nella fede ma anche nel mio vivere la condizione di maschio.

Photo - Branislav Škripek

Branislav Škripek

Sono cresciuto e sono stato educato come ateo puro. In 20 anni di vita vi assicuro che mai nessuno m'aveva parlato di Dio.

Photo - Ondrej Tarana OFM cap.

Ondrej Tarana OFM cap.

Fui del tutto inorridito quando mi accorsi che quel Dio che servivo, non Lo conoscevo affatto e non avevo alcuna idea del Suo amore.

Photo - Mon. Andrej Imrich

Mon. Andrej Imrich

Una volta un sacerdote chiese ad una madre se credeva in Dio. Questa rispose: mio figlio stava per morire. Le prognosi mediche erano senza speranza. Io ho pregato con fervore e il Signore Dio ha ridato la vita a mio figlio. Non immaginate lo stupore dei medici.

Photo - Jana Ray - Tutková

Jana Ray - Tutková

Il mio racconto è quello di una donna che Dio ha cercato e prescelto, mentre ella scappava.

Photo - Dana Zubčáková

Dana Zubčáková

L’autrice di questa confessione ha vissuto per 20 anni schiava dell’alcolismo. Ha perso tutto, famiglia, lavoro e posizione sociale; e infine anche la casa e la salute. La sua vita è diventata sofferenza per rimanere in vita. Stava morendo piano piano. Nei momenti di sobrietà era afflitta dai rimorsi per il male fatto ai figli, ai genitori e al marito. Voleva non-vivere, abbandonare il mondo, suicidarsi.

Photo - MUDr. Pavol Strauss

MUDr. Pavol Strauss

Nessuna reale conversione può essere spiegata mediante un mero sviluppo esterno, di pensiero, filosofico e dogmatico, ma è sempre e soprattutto opera dello Spirito Santo. La grazia non può essere conseguita - ma soltanto abbracciata.

Photo - Shaun Growney

Shaun Growney

Shaun Growney ci spiega come dopo circa 40 anni di lontananza dalla Chiesa ha ritrovato la fede grazie al sacramento della riconciliazione

Photo - Prof. Štefan Šmálik

Prof. Štefan Šmálik

Mi fecero girare ben sette carceri (Bratislava, Praga–Ruzyně, Bratislava, Mirov, Jachymov, Leopoldov, Valdice). Se volessi provare a descrivere le condizioni di prigionia mi esprimerei così: terribilmente malvagie, brutte, pessime, cattive, non buone, pericolose, insopportabili, inumane. Il regime era straordinariamente rigido.

Photo - Egidio Bullesi

Egidio Bullesi

Intanto a 13 anni prese a lavorare come carpentiere nell’arsenale di Pola, dove nonostante la giovane età, si fece notare per la coraggiosa pratica della sua fede cattolica, specie in quell’ambiente di affermato socialismo, meritandosi comunque l’ammirazione e la stima di tutti.

Photo - Bronislava Kurdelová

Bronislava Kurdelová

Passò altro tempo fino a quando un giorno mi dissi che come fisico sperimentale avrei fatto un esperimento. Provo a pregare e vediamo cosa accade.

Photo - Slavo Pjatak

Slavo Pjatak

Mai prima e mai dopo provai gioia più grande – una gioia selvaggia, senza freni, infinita.

Photo - Michael Glatze

Michael Glatze

Michael Glatze, fondatore ed editore della rivista Young Gay America, stella nascente del movimento per i diritti dei gay, parla della propria esperienza e spiega che “segnali divini nella sua coscienza” lo hanno portato ad una trasformazione radicale che gli ha permesso di cambiare completamente il vecchio stile di vita.

Photo - Mons. Jozef Tóth

Mons. Jozef Tóth

L'evangelizzazione in chiesa non basta. Io e gli altri fratelli non siamo stati una "voce che grida nel deserto" ma una voce nel formicaio del male e del diavolo, dove attraverso tante aperture è giunta la luce del Vangelo di Cristo.

Photo - vdp. Rastislav Dluhý, C.Ss.R.

vdp. Rastislav Dluhý, C.Ss.R.

Insieme ai miei fratelli costruivamo anche bunker e combattevano con tutti i tipi di armi.Dalla fionda all'arco, fino ai tomahawk fatti in casa. Una volta avevamo tentato di costruire un rifugio sul tetto. Mio padre dovette sostituire diverse tegole.

Photo - Mary Matthews

Mary Matthews

“Cosa fai nella mia generazione, o Signore?” Sorprendentemente la risposta non tardò ad arrivare. “Battezzo i cattolici romani nello Spirito Santo.” Fu una notizia che ci colse molto alla sprovvista. Entrambi provenivamo da Shankill Road, un bastione protestante di Belfast. Non c’eravamo mai mischiati con i cattolici e fuori c’era una guerra civile.

Photo - Tomáš Pružinec

Tomáš Pružinec

Da allora, ogni volta che veniva pronunciata la parola "Signore" Gesù, iniziavo a vivere la forza del nome del Signore. Quando pronunciavo quel nome o semplicemente lo ascoltavo, percepivo dentro di me qualcosa di diverso rispetto a prima.

Photo - Reza Hadž Qolami Sičani.

Reza Hadž Qolami Sičani.

Sono nato nella Repubblica Islamica dell'Iran dove ciascun cittadino diventa automaticamente musulmano appena nasce. Vale a dire che anche per i miei genitori valevano le stesse regole che si applicano per gli altri musulmani.

Photo - Peter Lipták

Peter Lipták

Quando durante la preghiera di intercessione imposero le mani sopra di me, sentii che davanti a me c’era la persona di Cristo Gesù.

Photo - Leopold J. Jablonský OFM

Leopold J. Jablonský OFM

Verso la fine del 2008 una comunità ha pregato per me preghiere di intercessione. Dopo la preghiera hanno avuto per me parole di conoscenza, dove il Signore ha detto: "Farai l'esorcista."

Storia - Werner Oder

small_Werner-Oder.jpg

Narodil sa v rodine, ktorá vyznávala nacizmus a dnes je pastorom.

Ak si prečítate moje životné skúsenosti, budete asi ťažko veriť, že dnes som kresťanským pastorom, ktorý miluje židov a Izrael.

Narodil som sa v rodine, ktorá bola zamorená temnou posadnutosťou antisemitizmu. Starý otec z matkinej strany pracoval pre Hansa Ludina, nemeckého vyslanca v Bratislave, ktorý deportoval 22 000 Židov do táborov smrti. Ludin bol zatknutý v mojom rodnom meste v Linzi v Rakúsku Američanmi, ktorí ho neskôr za vojnové zločiny obesili.

Ako mladý muž, môj otec, Wilhelm Oder sa pripojil k nacionálnej socialistickej strane v Rakúsku s cieľom destabilizovať krajinu. Nemci posielali agitátorov, ktorí páchali násilné činy proti vláde a Wilhelm bol jedným z miestnych spolupracovníkov. Keď bol v roku 1934 zavraždený Rakúsky kancelár, vláda zatkla nacistických agitátorov, vrátane Wilhelma. Bol súdený ako terorista a chystala sa jeho poprava, keď v tom Wehrmacht - nemecká armáda napochodovala a Rakúsko „pripojila“ k Tretej ríši.

Wilhelm sa potom pripojil k Waffen-SS a bol vytrénovaný v koncentračnom tábore v Dachau. Následne bol poslaný do poľskej obce Rabka, kde nacisti obsadili dievčenskú školu a premenili ju na tréningové centrum jednotiek rýchleho nasadenia (Einsatzgruppen), ktoré boli zabijáckymi jednotkami SS operujúcimi vo Východnej Európe.

Počas trvania vojny Wilhelm pôsobil v tréningovom centre a stal sa expertom na zabíjanie Židov. Vyvinul metódu Genickschuss, teda zastrelenie obeti strelou to zátylka, čo sa preukázalo ako najviac efektívnou popravou inou ako plynové komory.

Keď Rusi vytlačili Nemeckú armádu späť do Poľska, Wilhelm bol zatknutý a uväznený vo vojenskom tábore. Bál sa popravy, ak by bola jeho SS minulosť bola odhalená. Podarilo sa mu ujsť späť do Rakúska, kde sa skryl s ďalšími nacistickými utečencami. Nakoniec ho americké sily identifikovali a zatkli za pomoci slávneho nacistického lovca Simona Wiesenthala.

Vojnové zločiny v Rakúsku boli často „klokaními súdmi“, ktoré zosmiešňovali žalobcov a spoliehali sa na „charakterovo pochybných“ svedkov, aby tak sprostredkovali oslobodenie, alebo ľahké tresty. Svedkovia proti Wilhelmovi Orderovi boli neutralizovaní pozitívnymi svedectvami, ktoré viedli k relatívne ľahkému trestu 6 rokov ťažkej práce.

Keď bol prepustený z väzenia, žil Wilhelm ako hrdina blízko jeho rodného mesta, ktoré bolo od počiatku priaznivým územím pre Hitlerove nacistické hnutie.

Wilhelm bol sukničkár a ešte v čase, keď bol uväznený, ma splodil.

Moja rodina žila v prekrásnom krajinnom dome. Boli sme prinútení sa odsťahovať do chudobnej mestskej štvrte po tom, čo bol môj otec prepustený. Otec bol mimoriadne násilný a splodil veľa detí rôznym ženám. Keď sa vrátil domov, mal som 3 roky a priniesol so sebou všetkých jeho démonov.

Stal som sa mimoriadne násilným a agresívnym a rozvinula sa vo mne slepá nenávisť k Židom. Toto nie je iba niečo, čo sa len tak stalo. Bolo to naučené správanie, po ktorom som začal mávať nočné mory. Kričal som každú noc od strachu, pretože som videl démonické bytosti v našom dome, ktoré ako som si myslel ma prišli zabiť. Tieto nočné mory trvali 6 rokov. Každú noc tá istá nočná mora, ten istý krik. Veľmi som ochorel a veľmi som sa bál. Bolo to mimo mojej mysle a vedel som, že skôr, alebo neskôr zomriem.

Už ako deväťročný som po prvýkrát v živote volal k Bohu: „Nechcem zomrieť, chcem žiť!“ Aj keď som nič nevedel o Bohu, bola to moja prvá modlitba. O sedem rokov neskôr som stretol Petra Wieganda, mladého nemeckého kresťana, ktorý ako som sa neskôr dozvedel, v sebe pocítil práve vtedy, keď som sa zúfalo modlil, volanie stať sa evanjelistom v Rakúsku. Peter bol prvým človekom, ktorý mi povedal o Božej láske. Pre mňa to bola neuveriteľná predstava, že niekto, kto je nazývaný Bohom, ma miluje.

Od toho momentu, keď som sa rozhodol dôverovať Ježišovi, nočné mory prestali a moje duševné zdravie sa obnovilo. Bol som oslobodení od zla antisemitizmu a dostal som lásku k Izraelu a Židom. Nikdy nezabudnem tú noc, keď Boží prst napísal slová lásky k Izraelu hlboko do môjho srdca.

Ale odovzdaním života Ježišovi sa všetko hneď neopravilo. Môj morálny a psychologický život bol smetiskom. A to aj nasledujúcich sedem rokov. V kresťanskom centre pre mladých v Rakúsku som sa naučil biblické princípy. Pomaly sa môj život dával do poriadku.

Vrátil som sa späť k mojej rodine, ktorá bola stále spojená s nacizmom a antisemitizmom. Povedal som im, že Ježiš sa stal mojim spasiteľom a spýtal som sa ich „Čo ste to Židom urobili?“ Bolo to ako hodenie ručného granátu. Celé peklo sa roztvorilo. Bol som obvinený z rôznych vecí a vystrelili na mňa. Stále mám jazvu po tom, čo vystrelená guľka obtrela temeno mojej hlavy.

V roku 1972 som z Rakúska odišiel  do Capernwray v severnom Anglicku, kde som chodil do biblickej školy a stretol svoju ženu Avril. Nakoniec sa stal pastorom Tuckstonského kresťanského spoločenstva v Bournemouthe.

Pre moju lásku k Izraelu mi Boh dal veľa príležitostí hovoriť na pamätných dňoch holokaustu a konferenciách. Som vďačný Bohu za privilégium, že môžem stáť za Izraelom a Židmi vo svete rastúceho antisemitizmu.


Torna alle storie | Condividi su Facebook | Become a friend of mojpribeh.sk on FB and share the Gospel

Buone notizie

  • Peter Hocken
    Il 10.06.2017 il Signore ha richiamato a sé nella notte padre Peter Hocken. All’età di 85 anni non compiuti se n’è andato un amico, un sacerdote, una persona sempre intenta a servire il Signore e il Suo corpo mistico. Dio gli ha donato un intelletto straordinario e una grande saggezza, insieme all’esperienza del battesimo nello Spirito Santo. È stato in grado di descrivere in maniera comprensibile e specifica le esperienze teologiche e spirituali della Chiesa di oggi, specie dopo il Concilio Vaticano II.
    2017-06-11
  • Liu Žen jing - (brat Yun)
    La Chiesa sotterranea cinese è sottoposta ad una crudele repressione e persecuzione anche in questi giorni. Yun sostiene che anche grazie alla persecuzione ormai più che trentennale, alla sofferenza e alle torture, oggigiorno i fedeli della Chiesa sotterranea cinese sono sempre più pronti a sacrificare la vita nei paesi musulmani, induisti o buddisti, per Gesù Cristo e per l'annuncio del Vangelo.
    2012-12-31
  • Egidio Bullesi
    Intanto a 13 anni prese a lavorare come carpentiere nell’arsenale di Pola, dove nonostante la giovane età, si fece notare per la coraggiosa pratica della sua fede cattolica, specie in quell’ambiente di affermato socialismo, meritandosi comunque l’ammirazione e la stima di tutti.
    2011-09-26

Video





Siamo tutti parte di una grande storia. La grande storia del mondo è composto di storie passate e presenti della vita delle singole persone. Il portale mojpribeh.sk si concentra sul momento più importante della storia del mondo e individuale, il momento della personale esperienza di persona con Dio.